Dignità e diritti, un impegno cruciale per gli Enti Locali. Incontro a Torino con gli amministratori

Posted on 01 luglio 2010 by Amministratore

Il 29 giugno 2010, presso la sede regionale della CGIL di Torino, ha avuto luogo l’incontro organizzato da Progetto Sviluppo all’interno della campagna nazionale “Combattere la povertà: lavoro dignitoso e partecipazione sociale”, che coinvolge anche gli Istituti IPSIA, ARCS, ISCOS  (capofila del  progetto) e Progetto Sud. La campagna, ha l’obiettivo di mettere l’accento sulla necessità di un impegno comune per  combattere ed eliminare le cause della povertà (la cattiva governance nei Paesi in via di sviluppo, lo sfruttamento del lavoro e l’emarginazione sociale, l’esclusione delle donne dalla vita pubblica, sociale ed economica, i limiti e le difficoltà della società civile ad  incidere sulle politiche locali, nazionali e internazionali) prevede attività di informazione e sensibilizzazione su tutto il territorio nazionale.

L’incontro di Torino ha coinvolto le amministrazioni locali.
Dopo la presentazione del progetto da parte di Renzo Caddeo (Progetto Sviluppo Piemonte), è intervenuto Renzo Concezione (Direttore Progetto Sviluppo Nazionale), che, nel contestualizzare il concetto di Lavoro Dignitoso in Italia e nel mondo, sottolineando l’importanza dell’impegno delle Ong dei principali Sindacati italiani ad aiutare i sindacati più deboli a diventare protagonisti e a rilanciare iniziative per il Lavoro Dignitoso; a favorire il dialogo sociale e il rispetto dei diritti delle persone. Concezione ha, poi, valorizzato l’iniziativa che vede in campo importanti Associazioni italiane.

Nel suo intervento, Ornella Cilona (CGIL Nazionale, Dipartimento Mercato del Lavoro) presenta il panorama internazionale in cui le realtà attive per il rispetto dei diritti del lavoro – e quindi dei diritti umani – si muovono e nello specifico introduce gli strumenti  per la lotta al lavoro precario e insicuro (Nazioni Unite e responsabilità a livello internazionale di Stato, aziende e enti giudiziari; revisione delle linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali; linee guida ISO 26000 sulla responsabilità sociale).

All’incontro sono intervenuti ancora Marcello Maggio (Presidente ISCOS Piemonte),  Lorenzo Cestari (UIL Piemonte), Laura Seidita (Segreteria Regionale CGIL Piemonte), Paolo Pozzo (ISCOS Piemonte).
Il punto di vista delle amministrazioni locali  è stato  espresso da  Anna Cuntrò (Assessore al lavoro del Comune di Grugliasco) .  Se i Sindacati dialogano con i lavoratori, le amministrazioni si relazionano con i cittadini, soprattutto con quelli che il lavoro non ce l’hanno.

Mantenere dignità e diritti è un impegno cruciale per gli Enti Locali, ma questo ruolo non può essere esercitato in solitudine. Sarebbe importante, visti gli obiettivi comuni, che i Sindacati e le amministrazioni lavorassero insieme per avviare reali politiche attive del lavoro.