Per una legge sulla cooperazione decentrata in Sicilia. Report dell’incontro promosso dalle Ong il 13 luglio a Palermo

Posted on 21 luglio 2010 by Amministratore

Promosso da alcune Ong operanti in Sicilia, martedì 13 luglio si è svolto un dibattito sullo stato della cooperazione decentrata nell’isola. Prosvil è stato invitato e ha partecipato attivamente proponendo di dare vita ad un coordinamento di tutto l’associazionismo interessato.

La discussione ha rilevato la necessità di dotare la Sicilia di uno strumento di legge apposito. Attualmente, infatti, le norme per la cooperazione decentrata fanno parte di una delle classiche leggi calderone siciliane. La centralità mediterranea della Sicilia suggerisce la necessità di una politica di relazioni rivolta ai paesi rivieraschi, mentre il dramma dei respingimenti in mare impone una vera politica di cooperazione tesa a portare aiuto in una serie di paesi Africani, a partire da quelli Sud-Sahariani.

Il deputato regionale Apprendi si è dichiarato disponibile a ripresentare un ddl che già nella scorsa legislatura aveva elaborato. Quel ddl costituirà la base di discussione per un incontro da tenersi a settembre dal quale fare uscire una proposta di legge da portare in discussione al parlamento siciliano.

Tutti i partecipanti hanno convenuto sulla necessità di dare vita ad un coordinamento dell’associazionismo allo scopo di monitorare l’azione che la Regione siciliana svolge in questo settore particolare. C’è da segnalare che i funzionari della Regione presenti all’incontro hanno dato la loro disponibilità a collaborare.

“E’ un importante passo in avanti”, ha commentato Italio Tripi, Presidente di Progetto Sviluppo, “e il dato importante è che l’iniziativa sia presa da pezzi della società civile siciliana organizzata. Per quanto riguarda Progetto Sviluppo, noi faremo la nostra parte. La proposta di legge è già all’attenzione dei nostri uffici e abbiamo anche sensibilizzato in questa direzione la Cgil siciliana”.

ong_sicilia1