Santa Impazienza! La Festa nazionale dei giovani della Cgil

Posted on 31 luglio 2010 by Amministratore

(di Renzo Concezione, Direttore di Progetto Sviluppo)

Dal 28 al 30 luglio 2010 si è tenuta, a Marina di Grosseto, la prima Festa Nazionale dei Giovani promossa dalla Cgil dal titolo “Santa Impazienza! Lavoro e Diritti Ora!”

400 giovani sindacalisti e studenti hanno discusso e si sono confrontati, anche con la presenza di esperti, per tre giorni nei diversi gruppi e nelle sedute plenarie, sui temi dei Diritti, della Legalità e della Partecipazione.

Coordinatrice della Festa è stata Ilaria Lani , Responsabile delle politiche giovanili Cgil che così ha commentato: “Tanti i temi e le proposte emerse dai dibattiti e dai gruppi di lavoro, ma soprattutto la voglia per una generazione di ritrovare una voce e un’azione collettiva per riconquistare i diritti negati, a partire dal lavoro. Trovare gli spazi per un’azione collettiva significa anche innovare le forme della partecipazione per riconnettere con l’attività sindacale un mondo del lavoro disperso e frantumato, a partire dal mondo giovanile. E’ proprio questo l’impegno dei giovani presenti alla Festa: rilanciare nei prossimi mesi una forte campagna di iniziative, perchè senza tanta retorica le giovani generazioni si meritano diritti e lavoro ora!”.

Hanno portato i saluti ai partecipanti Lorenzo Centenari (Segretario Generale Cgil Grosseto), Emilio Bonifazi (Sindaco di Grosseto) e Leonardo Marras (Presidente della Provincia di Grosseto). La sessione sulla conoscenza ha visto la presenza di Mimmo Pantaleo (Segretario Generale della FLC Cgil).

Il confronto sul tema “Diritti, Autonomia, Riprendiamoci il Futuro” ha visto la presenza di Vera Lamonica (Segretaria Nazionale Cgil).

Altri eventi nella Festa sono stati: la presentazione dell’esperienza dei campi di lavoro nei beni confiscati con Maurizio Pascucci (Arci Toscana), Alessio Gramolati (Segretario Generale Cgil Toscana), Roberto Iovino (Associazione Libera), un collegamento in diretta da Corleone con i volontari della Cooperativa “Lavoro e non solo”.

Particolarmente toccante sono stati i “Racconti per le vittime innocenti di camorra” della Compagnia Teatrale “Decimo Pianeta”.

Si è discusso, poi, di “Generi e Generazioni” con Serena Sorrentino (Segretaria Nazionale Cgil) e di “Rappresentanza, partecipazione e contrattazione” con Susanna Camusso (Vice-Segretaria Nazionale Cgil).

Progetto Sviluppo ha portato il proprio contributo nel Laboratorio che ha affrontato l’argomento “Legalità e Lavoro”. Sono stati presentati i progetti in corso di realizzazione con particolare riferimento alle attività sul Lavoro Dignitoso, tema di grande attualità in Italia e negli altri Paesi. Progetto Sviluppo è impegnato, assieme ad oltre Organizzazioni Europee, in un importante progetto che affronta i temi dello Sviluppo, delle Migrazioni e del Lavoro Dignitoso.

Lavoro nero, lavoro informale, “mercato illegale delle braccia”, violazione dei diritti fondamentali delle persone, rappresentano una vera emergenza nei cosiddetti Paesi in via di sviluppo ma stanno diventando preoccupanti anche nei Paesi a sviluppo più avanzato. La povertà, la fame continuano a riguardare milioni di persone; l’Italia sta disattendo gli impegni presi nei vertici mondiali e taglia i fondi per la cooperazione. Una grande Organizzazione come la Cgil può e deve giocare un ruolo a tutto tondo su questi temi che non hanno, ormai, più confini. Come hanno detto alcuni partecipanti al gruppo “Nel mercato globale, la nostra Confederazione deve giocare il proprio ruolo “politico” di “organizzatore sociale”, avanzando idee, proposte, assumendo tutte le iniziative necessarie in Italia e a livello internazionale”.