Lavoro dignitoso in Paraguay. I primi tre mesi del progetto Prosvil/Germinal/UE

Posted on 26 aprile 2011 by Amministratore

Rapporto trimestrale progetto “Promozione dell’accesso alla giustizia delle lavoratrici e dei
lavoratori del Paraguay per la difesa dei loro diritti del lavoro”
Gennaio – Marzo 2011

Introduzione

Il progetto, avviato in Paraguay dalla ONG Progetto Sviluppo e da CEEP Germinal con il cofinanziamento della Unione Europea e del CAAF CGIL Lombardia, intende promuovere la difesa attiva dei diritti del lavoro nella società paraguaiana al fine di migliorare le condizioni di lavoro e di vita delle lavoratrici e dei lavoratori con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili come le donne, i giovani, i lavoratori delle piccole e piccolissime imprese ed i lavoratori migranti.
In modo specifico il progetto si pone l’obiettivo di informare le lavoratrici ed i lavoratori paraguaiani sulle tematiche del “lavoro dignitoso”, dell’accesso alla giustizia e del funzionamento del sistema della giustizia del lavoro in Paraguay.
Inoltre si pone l’obiettivo di istituire ed attivare un Ufficio Legale diretto alle lavoratrici ed ai lavoratori paraguaiani che, per la risoluzione delle vertenze e dei conflitti, sostenga l’accesso alla giustizia e/o la utilizzazione di forme alternative e non giudiziali.
Il progetto si è avviato ufficialmente il 2 gennaio 2011 e completerà le proprie attività il 31 dicembre 2013.
Al progetto partecipa in qualità di partner associato la CSA – CSI.
Il progetto coinvolge inoltre le due Confederazioni Sindacali paraguaiane CUT – A e CNT (affiliate alla CSI) ed alcune Federazioni di Categoria affiliate ai Segretariati Internazionali.
I coordinatori del progetto sono: Giovanni Zampariolo in rappresentanza di Progetto
Sviluppo ed Eugenia Insaurralde in rappresentanza di CEEP Germinal.

Risultati previsti

Il progetto prevede i seguenti risultati:
- Avviare l’attività di un Ufficio Legale che identifichi, nei tre anni di durata del progetto, n° 1000 casi di violazione del diritto de l lavoro per i quali avviare un’azione legale o sperimentare la utilizzazione di conciliazione extra giudiziale
- Realizzare una campagna di informazione nei luoghi di lavoro per sensibilizzare le lavoratrici ed i lavoratori paraguaiani sul diritto ad un “lavoro dignitoso” e sul diritto di accesso alla giustizia per la difesa dei propri diritti di lavoro.

Attività preparatorie

Nel primo trimestre di implementazione del progetto le attività realizzate si sono concentrate principalmente su quelle necessarie per l’inaugurazione dello Studio Legale che è stato denominato “Studio Legale Rafael Barret” in onore del grande scrittore che ha contribuito a promuovere il sindacalismo paraguaiano agli inizi del XX secolo.
Il lavoro si è svolto in due direzioni:
- Con le Organizzazioni Sindacali coinvolte (CUT – A, CNT, Fetrasep – Elettrici, Fep – Insegnanti, Fetraban – Bancari, Fesifuna – Università, Ustba – Alimentaristi, Confee – Funzionari pubblici) si sono definite le priorità nell’assistenza e consulenza giuridica dello Studio Legale.
- Attraverso l’attività di CEEP Germinal che ha selezionato il personale (avvocati ed amministrativi) ed ha acquisito la struttura ed il materiale di consumo per l’avvio dell’attività dello Studio Legale.
Per la definizione delle priorità nell’assistenza e nella consulenza giuridica, nel corso del mese di febbraio si sono svolte riunioni con le differenti Confederazioni e Federazioni di Categoria per elaborare un documento definitivamente approvato il 7/3/11 nella riunione del Comitato di Accompagnameto e Valutazione del progetto.
Di seguito si indicano le priorità identificate:
PRIORITA’ NELL’ASSISTENZA LEGALE AI LAVORATORI
- Licenziamento senza giusta causa;
- Licenziamento di lavoratrici in gravidanza;
- Licenziamento di delegati sindacali;
- Licenziamento di lavoratori come ritorsione per la costituzione del sindacato in azienda;
- Violazione dei diritti del lavoro verso giovani con meno di 25 anni;
- Discriminazione sessuale o di genere:
- Violazione delle norme sulla sicurezza ed igiene nei posti di lavoro;
- Evasione dei contributi per la sanità e previdenza sociale;
- Inadempienza alle norme previste dal contratto collettivo;
- Trasferimenti ingiustificati di lavoratori o di delegati sindacali;
- Ricorsi al Tribunale Amministrativo per i dipendenti pubblici;
PRIORITA’ NELLA CONSULENZA GIURIDICA AI SINDACATI:
- Assistenza nella formulazione delle contestazioni all’azienda;
- Opposizione all’attività degli imprenditori per impedire la costituzione del sindacato in azienda;
- Denunce all’Autorità Amministrativa del Lavoro;
- Denunce all’OIT o ad altre organizzazioni internazionali del lavoro;
- Assistenza nella elaborazione dei contratti collettivi e nella costituzione di sindacati aziendali;
- Banca dati ed archiviazione dei contratti collettivi esistenti;
- Accompagnamento nella contrattazione collettiva;
- Osservatorio dei progetti di legge sul lavoro in Paraguay;
- Assistenza nella elaborazione e modificazione di progetti di legge sul lavoro in Paraguay.
Parallelamente al lavoro di definizione delle priorità, il personale di CEEP Germinal ha operato per l’attivazione dello Studio Legale.
Nel mese di gennaio 2011 sono stati identificati i locali e all’inizio di febbraio 2011 è stato firmato il contratto di affitto triennale. Successivamente si sono realizzati i lavori di ristrutturazione dei locali e sono stati acquistati i mobili, i computer, i telefoni, la fotocopiatrice ed il materiale di consumo.
L’ultima attività di questa fase è stata quella di selezione del personale dello Studio Legale. L’attività è stata coordinata dall’avvocato Gustavo Benitez Manchini, consulente giuridico senior del progetto ed avvocato del lavoro peraltro collaboratore delle Confederazioni Sindacali coinvolte nell’azione.

Attività di presentazione del progetto

Le attività di preparazione per la presentazione del progetto si sono svolte dal 2 al 5 marzo 2011 alla presenza tra gli altri di Italo Tripi, Presidente di Progetto Sviluppo. Le attività di presentazione del progetto si sono svolte il 8 marzo 2011 con la partecipazione, fra gli altri, di una delegazione della CGIL Lombardia e della CDLM di
Milano. Le attività svolte per la presentazione del progetto sono state:
- Una conferenza stampa
- L’inaugurazione dei locali dello Studio Legale
- Una conferenza pubblica

I primi casi e le prime consulenze
Lo Studio Legale “Rafael Barret” ha iniziato la sua attività a partire dal 9 marzo 2011.
Di seguito si presentano i risultati ottenuti fino al 31/3/2011.
Sono stati affrontati 11 casi giudiziali e 6 richieste di consulenza.
1. CASI
Gli 11 casi si riferiscono: 1 ad un ricorso amministrativo e 10 all’avvio di cause da lavoro.
I casi affrontati sono così suddivisi:
- 9 per licenziamento ingiustificato
- 1 per la sospensione dal lavoro di un delegato sindacale
- 1 per un ricorso alla Corte Internazionale di giustizia
Uno di questi casi ha già avuto una soluzione positiva. Si tratta del caso della sospensione dal lavoro di un delegato sindacale per il quale si è avviata la conciliazione con l’azienda che ha poi ritirato il provvedimento di sospensione.

2. RICHIESTE DI CONSULENZA
Le richieste di consulenza pervenute sono 6 e si riferiscono a:
- 2 per verifica di casi già seguiti da altri avvocati
- 1 per supportare la contrattazione delle condizioni di lavoro in un’azienda
- 1 per la costituzione di un sindacato aziendale
- 1 per l’analisi di un progetto di legge giacente in Parlamento
- 1 per l’analisi di un accordo collettivo sulle condizioni di lavoro in un’azienda
Delle 6 richieste di consulenza, 2 si sono concluse e 4 sono in corso di definizione.

Attività previste nel secondo trimestre
Nel secondo trimestre di implementazione del progetto le attività saranno rivolte a:
1. Rafforzare il funzionamento dello Studio Legale
2. Avviare la campagna di informazione e sensibilizzazione dei lavoratori circa il concetto di “lavoro dignitoso” e di accesso alla giustizia per la difesa dei propri diritti di lavoro
1. Per rafforzare il funzionamento dello Studio Legale:
- Realizzare specifiche riunioni con le due Confederazioni Sindacali e le sei Federazioni di Categoria coinvolte nel progetto per definire precise metodologie di lavoro finalizzate alla scelta dei casi da avviare allo Studio Legale
- Elaborare e pubblicare materiale informativo da distribuire nei luoghi di lavoro per presentare l’attività dello Studio Legale
- Presentare mensilmente ai mezzi di comunicazione l’attività sviluppata dallo Studio Legale
- Preparare il primo bollettino semestrale previsto dal progetto per la pubblicizzazione delle attività realizzate dallo Studio Legale (pubblicazione prevista nel mese di settembre 2011)
2. Per avviare la campagna di informazione e sensibilizzazione dei lavoratori:
- Elaborare e pubblicare materiale sul “lavoro dignitoso” da diffondere nei luoghi di lavoro attraverso le Confederazioni Sindacali e le Federazioni Sindacali di categoria coinvolte nel progetto
- Organizzare insieme alle Confederazioni Sindacali e alle Federazioni Sindacali di categoria coinvolte nel progetto, un piano annuale di assemblee e riunioni nei luoghi di lavoro per informarli e sensibilizzarli sui temi del “lavoro dignitoso”
e dell’accesso alla giustizia per la difesa dei propri diritti di lavoro
- Avviare la preparazione della prima conferenza pubblica prevista dal progetto per la discussione sui temi del “lavoro dignitoso” e del rispetto della legislazione del lavoro in Paraguay. La conferenza si terrà alla fine del mese di settembre
2011 e verrà preparata insieme alla CSA – CSI e alle organizzazioni sindacali coinvolte nel progetto.